431a puntata TV (22.2.2014)

431a puntata TV (22.2.2014)

Tante volte il Ticino ha saputo aprire il cuore e la mente per accogliere rifugiati: durante la seconda guerra mondiale, e poi in seguito l’Ungheria, il Vietnam, la ex Yugoslavia, e altri casi ancora. Abbiamo raccolto alcune tracce di questa storia, intrecciandole con le presenze più recenti, nella prospettiva di quello che il futuro ci riserverà. E si scopre che dietro le emergenze ci sono persone come noi.

430a puntata TV (15.2.2014)

430a puntata TV (15.2.2014)

Nascere accolti dalla fede: la toccante esperienza di due mamme felici. Nella nostra redazione è arrivato in questi giorni un bel fiocco rosa e il collega Federico Anzini ne ha approfittato per farsi raccontare da sua moglie Anita emozioni e pensieri sbocciati con la nascita di Elisa. Ma non saranno gli unici personaggi di questo servizio, che vuole entrare nel miracolo della vita.

Andiamo intanto in un’altra famiglia, quella dei frati cappuccini del Convento di Lugano. Per la serie “Pietre Vive”, Chiara Gerosa ci porta oggi a conoscere le specialità di questa oasi dello Spirito. Solo un muro divide l’ideale francescano dalla frenesia della città.

Con l’ultimo servizio andimo molto lontano, in Ciad, nel cuore dell’Africa, dove la Chiesa ticinese accompagna da tempo un progetto missionario. Dopo anni di lavoro è stata da poco inaugurata la nuova scuola della parrocchia di Mbikou. Era il 19 gennaio scorso e ce ne parla il vescovo Pier Giacomo che ha partecipato all’evento con due altri ticinesi: don Marco Castelli e Athos Medici.

429a puntata TV (8.2.2014)

429a puntata TV (8.2.2014)

È già trascorso un anno dalle dimissioni di papa Benedetto XVIEra l’11 febbraio 2013. Quello che è accaduto in seguito, con Papa Francesco, è cronaca ormai quotidiana, ma noi questa sera vogliamo fermarci un attimo per tentare un’operazione difficile e delicata: rileggere in qualche sua pagina fondamentale il pontificato di Ratzinger. Ci aiuteranno tre teologi (Azzolino Chiappini, Markus Krienke e Assunta Steccanella), tre voci a volte diverse, senz’altro complementari, che già solo per questo riflettono la complessità del personaggio. Il Papa emerito ha mantenuto la promessa, vive una vita completamente ritirata, ma il suo progetto e la sua eredità fanno ancora discutere.

428a puntata TV (1.2.2014)

428a puntata TV (1.2.2014)

Mettersi al servizio degli anziani può diventare una vera vocazione, come è accaduto vent’anni fa a un tecnico elettronico di Mendrisio, che con la sua famiglia ha accolto la sfida di una vita nuova, come diacono permanente. Don Emilio Devrel ha una storia incredibile. Origini turche, è nato da un’antica famiglia cattolica di Istànbul, traccia di quel grande mosaico multiculturale e multireligioso che era l’antico impero ottomano. Le vicende dei genitori lo portano in Svizzera e qui arriva la chiamata al diaconato. Nella Chiesa cattolica esistono uomini sposati che diventano diaconi, – si dice “diaconi permanenti”, cioè per sempre, per vivere un ministero, cioè un servizio forte, in particolare nel campo sociale. È una vocazione che altre diocesi nel mondo hanno ampiamente sviluppato, ma che in Ticino andrebbe forse rilanciata.

E da una vocazione di oggi passiamo a una vocazione di ieri, con un famoso racconto del Vangelo, illustrato per noi da Sofia Libotte. Per la serie “Alberi della bibbia”, eccovi il Sicomoro!

Qualcuno è rimasto forse un po’ scioccato nei giorni scorsi sentendo Papa Francesco affermare che Internet è un dono di Dio. Ne parlava nell’ambito del messaggio in vista della giornata dei media, il prossimo maggio. E in attesa che fra una decina di mesi anche la Svizzera italiana, con le altre regioni del paese, lanci un nuovo sito internet di informazione, ecco che cosa si sta facendo al quotidiano cattolico del Ticino: il Giornale del popolo (www.gdp.ch).

427a puntata TV (25.1.2014)

427a puntata TV (25.1.2014)

“Cercavamo braccia, sono arrivati uomini”Era il 1965 e Max Frisch, il grande scrittore svizzero, faceva scalpore col suo famoso intervento sul tema dell’immigrazione. Un tema sempre attuale nelle società svizzera – basti pensare all’imminente votazione – e che si tinge di colori sempre nuovi. Potemmo infatti aggiornare ulteriormente la frase di Max Frisch aggiungendo che gli uomini, le donne e persino i bambini che sono arrivati e arrivano, si portano dietro molto spesso anche tutta la loro tradizione spirituale e religiosa. E non di rado rappresentano uno stimolo per le nostre comunità storiche, magari un po’ addormentate. Oggi vogliamo parlare della presenza cristiano – ortodossa in Ticino, che da un piccolo seme di qualche decennio fa, si è trasformata in un albero dalle molte braccia.

426a puntata TV (18.1.2014)

426a puntata TV (18.1.2014)

Il mondo economico non sa più che cosa inventarsi per offrire nuove soluzioni, dopo la crisi dei modelli tradizionali. Ma proprio in questo ambito l’ispirazione cristiana ha ancora preziose carte da giocare. Nel grande calderone dell’economia oggi non mancano gli ingredienti esotici e a volte molto problematici, ma che cosa fare con ingredienti “scomodi”, come l’ambiente, l’energia pulita, e soprattutto la dignità della persona umana? Eppure c’è chi questi ingredienti non solo li ricupera, ma li valorizza appieno, come quel “qualcosa in più” che gli altri non hanno e che alla fine produce ricchezza. Siamo andata a Verona ad un convegno sull’impresa sociale.

Con la rubrica “Pietre Vive” andiamo in Leventina, a Faido, per una puntata speciale. Chiara Gerosa oggi ci fa conoscere non più semplicemente una chiesa o un santuario, ma ci porta dietro le quinte, per modo di dire, del convento dei Frati cappuccini.

Pagina 4 di 63<<...345101520...>>