442a puntata TV (10.5.2014)

442a puntata TV (10.5.2014)

Una signora ci raccontava che suo marito, da poco defunto, aveva lasciato scritto nel testamento di devolvere una certa somma alla chiesa di Sant’Agata a Tremona, perché proprio alla festa di Sant’Agata, su quel colle, 60 anni prima, era sbocciato il loro amore. È solo una microstoria che però rivela qualcosa di un fenomeno straordinario: la devozione ai santi nei territori ticinesi. E di Santi parla la mostra in corso al Museo d’arte di Mendrisio. Ve la presentiamo con qualche simpatica “intrusione” esterna, per sottolineare ancora di più un valore che emerge fortemente nella mostra: il legame tra i santi e il territorio, tra i santi e la vita concreta delle persone, non solo nel passato, ma anche oggi .

Il prossimo 1 giugno farà tappa al FEVI di Locarno lo spettacolo “Carol Wojtyla, la vera storia”. Si tratta di un musical sulla vita di Giovanni Paolo II, che sta girando attualmente tutta l’Italia, con un notevole successo. Ve ne diamo un assaggio!

La rubrica “Pietre vive” ci porta dietro le quinte di un santuario molto amato dai ticinesi e non solo: la Madonna del Sasso. Il servizio è di Chiara Gerosa.

388a puntata TV (27.4.2013)

388a puntata TV (27.4.2013)

Quando i libri erano un lusso e le immagini una rarità, nell’Insubria del Cinquecento e Seicento, i Sacri monti sbocciarono come una specie di Hollywood della fede! Come quella fondata da Fra Bernardino Caimi, a Varallo, a un tiro di schioppo dal Ticino, in Val Sesia. Il Caimi voleva ricreare una Gerusalemme per le nostre vallate e ci riuscì. E negli scorsi mesi la SUPSI, la Scuola professionale della Svizzera italiana, proprio a Varallo ha messo alla prova i suoi giovani talenti.

376a puntata TV (2.2.2013)

376a puntata TV (2.2.2013)

Oggi le grandi città sono famose per le squadre sportive che sponsorizzano. Un tempo, le comunità e i loro capi puntavano invece sulle grandi cattedrali, che diventavano il simbolo di un’intera società. Così è avvenuto con Milano e il suo Duomo, tanto vicino ma anche tanto sconosciuto, al centro di continue attenzioni, come possente e nel contempo fragile creatura viva.

“Pietre Vive”: dalle guglie della Madonnina passiamo a dimensioni un po’ più umili, ma che sono quelle a noi più vicine. Siamo a Davesco, sopra Lugano, dove la comunità ha da poco rinnovato la sua chiesa parrocchiale.

363a puntata TV (3.11.2012)

363a puntata TV (3.11.2012)

Chi non conosce il passato non può vivere il futuro. In questa puntata apriamo un’affascinante pagina di storia. Il 4 novembre la Chiesa celebra la memoria di San Carlo Borromeo, compatrono della diocesi, grande evangelizzatore delle nostre terre alla fine del ‘500. Vi proponiamo quindi di riscoprire la figura di questo santo e il suo profondo legame con le valli svizzere a sud delle Alpi.

Da San Carlo raccontato per i grandi, passiamo ora a un altro santo che raccontiamo ai più piccoli. Siamo infatti alla rubrica “Ciao Signore” che ci presenta la figura di San Francesco.

332a puntata TV (31.3.2012)

332a puntata TV (31.3.2012)

Spiegare ai ragazzi la confessione: è la sfida di “Ciao Signore”. Elena e i suoi giovani amici ci spiegano questo dono pasquale di Gesù, da vivere proprio magari in questi giorni di Quaresima!

“Visto da Roma”La Roma delle altre religioni, con gli studenti della Columbia University.

Il  servizio principale ci porta al Museo Diocesano di Milano, un museo poco conosciuto ma dotato di alcuni capolavori assoluti dell’arte sacra. Abbiamo chiesto al direttore e ai conservatori di presentare con le loro parole le opere che amano di più. Proprio in queste settimane è uscito il nuovo catalogo aggiornato del Museo che – lo ricordiamo – ha appena dieci anni di vita.

330a puntata TV (17.3.2012)

330a puntata TV (17.3.2012)

Per la rubrica “Ciao Signore” la piccola Elena e i ragazzi di Castel San Pietro ci parlano di un tempo speciale che stiamo vivendo: la Quaresima! Il servizio è di Elisabeth Alli. Le illustrazioni di Sara Guerra.

“Cieli Aperti”: in queste settimane stiamo incontrando il rappresentante del Papa presso le Nazioni Unite a Ginevra. Mons. Tomasi è stato ambasciatore in molti paesi del mondo ed è a partire dalle sue esperienze che riflette sul Vangelo di domani, con al centro il simbolo della Luce.

Nella domenica della luce, parliamo ancora di luce. Immaginate allora un simpatico lupo che ogni mattina, con la luce del sole, viene a trovarvi in casa! È la magia resa possibile dal vetro. O meglio: da una forma particolare di arte che sono le vetrate. Ormai non rappresentano più un elemento riservato alle chiese, ma entrano in molti altri spazi.

Pagina 1 di 3123